Prestito o finanziamento non pagato: va in prescrizione?

0
421

La domanda che molti si pongono nel momento in cui stipulano un prestito è la seguente: Cosa succede se non pago un prestito? Il prestito non pagato va in prescrizione? Cerchiamo di fare chiarezza e capirne qualcosa in più.

Un prestito personale, come ogni tipologia di debito, ha un suo tempo, dunque un termine e una scadenza. Un finanziamento nel momento in cui non viene pagato va in prescrizione, tuttavia ci sono delle cose da dover precisare. Per quanto riguarda un prestito personale stipulato con un istituto di credito, la prescrizione arriva dopo 10 anni del termine dello stesso prestito. Cioè è valido per i prestiti erogati dall’INPS e per i debiti inerenti a mutui. Ci sono altre tempistiche però in altre situazioni, stando a quanto stabilisce la legge. Ad esempio nel caso in cui si è debitori nei confronti di albergatori il limite per la prescrizione sono 6 mesi. Se si supera la scadenza di pagamenti per premi assicurativi, questo va in prescrizione dopo un anno. Per quanto riguarda i crediti inerenti alla circolazione dei veicoli la prescrizione scatta dopo 2 anni. Per i crediti dovuti allo svolgimento di una determinata attività commerciale la prescrizione va a dopo tre anni. Infine, se si hanno debiti anche per canoni di locazione, la prescrizione scatta dopo i 5 anni.

Leggi anche:  3 metodi per creare una rendita online: ecco i più profittevoli

Insomma, che c’è un finanziamento non pagato va in prescrizione, e conseguentemente non vi è la necessità di versare di nuovo la somma stabilità, si rischiano delle conseguenze. Tra questi è presente il fatto di essere segnalati come cattivi pagatori, dunque non sarà più possibile accedere a qualsiasi tipo di prestito oppure ad un finanziamento per l’acquisto di un bene. Il nostro consiglio è sempre quello di portare a termine l’impegno preso, onde evitare conseguenze peggiori.