Pensione integrativa a 50 euro al mese: ecco come funziona

0
74
Retire.

Sono tante le prestazioni attraverso cui è possibile risparmiare o di ottenere determinate somme di denaro. Una di questa è la pensione integrativa da 50 euro al mese. Ma come funziona? Quali sono i requisiti per poterla ottenere? Fino a che età?  Quanto costa un fondo pensione? Quanto frutta? Sono tante le domande che vengono fatte.  Cerchiamo di dare una risposta per chiarire meglio la situazione.

Cos’è la pensione integrativa

È chiamata pensione integrativa quella forma di risparmio pensionistico, che si va ad aggiungere alla pensione base ottenuta. Lo scopo di questa prestazione è quello di aiutare a mantenere un tenore di vita adeguato anche dopo il pensionamento, in un regime tutelato e fiscalmente vantaggioso.

Insomma si tratta di una tipologia di investimento, attraverso cui si va a formare un fondo pensione che ti aiuterà a avere maggior sostentamento economico nel momento in cui avrai raggiunto la massima età e non dovrai più lavorare.

Come funziona

Per poter ottenere una pensione integrativa è necessario versare una determinata somma mensilmente nel momento in cui si lavora. Tuttavia, prima di decidere quanto versare, è opportuno considerare che non ci si può privare per almeno 20 anni di una somma importante sul proprio stipendio, a maggior ragione se questo non è molto alto.

Leggi anche:  Buono Amazon gratis: ecco come avere 8, 10, 15 o 20 euro gratis da spendere

Inoltre non per tutte le categorie di lavoratori ci sono gli stessi requisiti. Vale a dire che, prima di ottenere la pensione integrativa, bisogna aver effettuato dei versamenti per determinati anni e aver raggiunto un’età specifica. I dipendenti pubblici e privati, devono aver versato una somma per 35 anni e devono raggiungere i 57 anni.

I lavoratori iscritti alla gestione separata INPS, devono aver versato una quota per 40 anni e possono avere qualsiasi età.

I lavoratori autonomi devono aver versato una quota per 35 anni e devono raggiungere l’età di 58 anni.

Infine, i liberi professionisti, devono aver versato una quota per 35 anni e devono raggiungere l’età di 65 anni.
Prima di decidere la quota da versare per poter poi ottenere la pensione integrativa, è possibile effettuare delle simulazioni utilizzando i diversi strumenti offerti sul web.