La guida per ricaricare la PostePay: Online, da Casa, Paypal, ATM, tabaccaio

0
165

Oggigiorno sempre più persone sono in possesso di una Postepay, ovvero quelle carte prepagate rilasciate direttamente da Poste Italiane. La Postepay può essere utilizzata per diverse operazioni. Oggi parleremo di come ricaricare la Postepay e di tutti i costi implicati.

Come ricaricare la Postepay on-line

Una volta entrati nel sito ufficiale di Poste Italiane è possibile caricare un in maniera totalmente on-line la propria PostePay. Si possono utilizzare diversi canali, come il servizio di Home Banking, ovvero il BancoPosta, facendo un addebito diretto sul proprio conto corrente, oppure utilizzando un’altra carta appartenente al circuito Visa, o ancora il trasferimento di denaro da un’altra Postepay con lo stesso nominativo.

Come ricaricare la postepay da casa

Oltre al servizio on-line, il quale può essere utilizzato comodamente da casa propria, è possibile ricaricare la propria Postepay attraverso delle applicazioni. Installando sul proprio smartphone l’app Postepay È possibile trasferire denaro da un’altra carta PostePay nominativa oppure effettuare altre operazioni come il controllo del saldo e dei movimenti. Oltretutto è possibile ricaricare la propria carta attraverso l’app BancoPosta

Leggi anche:  Dropshipping: Cos'è, quanto si guadagna e costi

Come ricaricare Postepay da PayPal

Se si è in possesso di un conto PayPal è possibile ricaricare la propria carta prepagata Postepay effettuando il trasferimento di denaro. Tuttavia che è necessario specificare che questa operazione richiede dai 3 ai 5 giorni lavorativi e la somma che deve essere trasferita viene tassata dell’1%.

Come ricaricare Postepay in ATM

La carta prepagata Postepay può essere ricaricata anche agli sportelli degli uffici postali mediante denaro contante, Oppure presso gli ATM. Questo è possibile trasferendo il denaro da una carta BancoPosta o una carta del circuito Visa sulla propria Postepay.

Come ricaricare Postepay dal Tabaccaio

Stessa cosa vale per il tabaccaio o per un punto Sisal autorizzato dove è possibile ricaricare la propria carta prepagata Postepay, o la carta di una terza persona, attraverso il versamento di soldi in contanti. Tuttavia in questo caso è necessario presentare il documento di riconoscimento e il codice fiscale del proprietario della carta e sostenere il costo di €2 come tariffa per la ricarica.