Richiedere un mutuo da libero professionista e partita iva: ecco come

0
71

In Italia sono molte le persone possessori di partita IVA. Insomma si tratta di un paese ricco di lavoratori autonomi, persone che dedicano anima e corpo nel loro lavoro, ma che molto frequentemente hanno difficoltà nel poter disporre di liquidità.

Una vita non affatto facile, soprattutto nel momento in cui si ha la necessità di chiedere un mutuo per acquistare casa. Chi ha la partita IVA può richiedere un finanziamento? È possibile prendere un mutuo da libero professionista? Come si può comprare casa senza busta paga? Sono tante le domande che vengono poste, cerchiamo di far chiarezza

Come richiedere un mutuo da libero professionista

Nel momento in cui ci si reca in banca per chiedere un mutuo, la prima cosa che viene chiesta da parte dell’istituto bancario è un qualcosa che possa dimostrare e quindi garantire la conseguente risoluzione del finanziamento. Se non si è in possesso di una busta paga, chiedere il mutuo diventa molto difficile, quasi impossibile. Insomma un lavoratore autonomo, per poter usufruire di un finanziamento, come può fare?

Leggi anche:  Trading immobiliare: come funziona e come farlo al meglio

Oggi come oggi è possibile richiedere un mutuo senza busta paga, tuttavia ci sono dei determinati requisiti da dover rispettare. In primo luogo, la banca andrà a controllare che il lavoratore autonomo abbia dell’effettiva entrate a lungo termine. Inoltre, oltre a controllare lo stato di salute del richiedente, si andava a controllare anche che questo non abbia debiti insoluti. Se questi dati dovessero rispettare le richieste della banca, si è già a buon punto di partenza.

Requisiti per richiedere un mutuo da libero professionista

Come hai detto, bisogna rispettare determinati requisiti per poter richiedere un mutuo. Un lavoratore autonomo, per effettuare tale richiesta, la necessità di presentare in diversi documenti, tra cui la dichiarazione dei redditi, gli estratti conti bancari, i documenti anagrafici e i documenti attestanti il bilancio della società.

Inoltre, se si vuole una maggiore sicurezza, nel momento in cui si presenta la richiesta di un mutuo si può anche effettuare il tutto con l’aiuto di un garante.