Conviene oggi investire in obbligazioni bancarie? Quanto rendono

0
173

Vuoi inoltrarti nel mondo degli investimenti, ma non sai se conviene comprare obbligazioni bancarie oggi? Se vuoi saperne di più al riguardo, sei nel posto giusto. Oggi ti spiegheremo tutto ciò che c’è da sapere sulle obbligazioni bancarie, cercando di capire quanto si può guadagnare, quali sono quelle che rendono di più ma soprattutto quali comprare nel 2022.

Investire oggi in obbligazioni bancarie

Quando facciamo riferimento al termine obbligazione bancaria parliamo di quei titoli di debito emessi dalla banca. Acquistando questi titoli presterai del denaro all’istituto finanziato che, come sorta di ricompensa, andrà a pagarti degli interessi. L’obbligazione bancaria presenta dei vantaggi rispetto alle normali azioni dato che risulta essere molto più sicura in quanto la banca è costretta a restituirti il denaro precedentemente investito. Insomma, la banca nel momento in cui ha necessità di denaro, emette un’obbligazione per reperire la liquidità che non riesce a recuperare attraverso altre operazioni.
Ci sono diverse tipologie di obbligazioni bancarie, le quali variano a seconda del grado di rischio che le riguarda. Ma conviene realmente investire in questi titoli?

Leggi anche:  Quanto costa la carta Binance e quanto ci mette ad arrivare

Conviene comprare obbligazioni bancarie oggi

Anche se le obbligazioni bancarie presentano meno rischi rispetto alle azioni, non vuol dire che siano totalmente sicure. Il pericolo presente è però limitato, dato che anche se la banca dovesse versare in una situazione finanziaria disastrosa è obbligata a risarcire tutti coloro che hanno precedentemente investito. Se vi state chiedendo su quale obbligazioni conviene investire oggi, è necessario sapere che i bond più sicuri sono indubbiamente quelli garantiti. Vale a dire che è più sicuro investire in titoli che hanno a che fare con la pubblica amministrazione, in quanto, anche se indirettamente, è lo Stato a garantire. Per quanto riguarda il guadagno, bisogna calcolare una tassa pari al 26%. Ovviamente anche il guadagno varia a seconda di diversi fattori.