Come guadagnare con Telegram: La guida per iniziare

0
191

Telegram non è semplicemente un app di messaggistica, ma può essere anche una fonte di guadagno. Ma come guadagnare soldi con telegram? Quanto si guadagna con un canale telegram? Ci sono diversi metodi grazie cui una grande fetta di persone guadagna online. Cerchiamo di capire insieme come iniziare a guadagnare con telegram con questa mini-guida.

Telegram

Con uno chi sono in grado di sfruttare in modo adeguato l’applicazione telegram ha la possibilità di guadagnare dei soldi con il suo utilizzo. Ma come? Ci sono diversi modi con cui è possibile guadagnare, partendo dal singolo canale ai gruppi.

Innanzitutto si può optare per l’iscrizione ai programmi di affiliazione dei maggiori siti di acquisti online, come Amazon e eBay. È tutto molto semplice, basta creare e promuovere un canale telegram, in modo da condividere i link da affiliato guadagnando poi una commissione su ogni acquisto effettuato.

In alternativa, coloro che non hanno il tempo per dedicare alla crescita di un canale telegram, possono optare per un’altra soluzione. Telegram, Infatti, offre la possibilità di affidare la vendita diretta ad altri gruppi Telegram o ai bot , inserendo degli annunci di vendita.

Leggi anche:  La guida per ricaricare la PostePay: Online, da Casa, Paypal, ATM, tabaccaio

Come guadagnare con telegram

Inoltre c’è un altro metodo che ti permette di guadagnare soldi con telegram, ovvero la vendita di post pubblicitari. Chi è in possesso di un canale grande può mettere a disposizione il proprio canale per far crescere tutte le persone che devono ancora ingrandirsi.

Insomma è possibile promuovere altri canali nel proprio canale facendosi pagare per la pubblicazione dei post. In questo modo i tuoi iscritti verranno a conoscenza dell’esistenza di questa altro canale e si iscriveranno a loro volta. Per quanto riguarda i compensi, non sempre si guadagna la stessa cifra su telegram.

Per la pubblicazione di un post, con i canali che hanno oltre 10 mila iscritti, è possibile chiedere anche fino a €40 a pubblicazione.