Ravvedamento operoso 2021: a cosa serve, come funziona ed entro quanto

0
201

Molto spesso si sente parlare di ravvedimento operoso, ma cos’è? A cosa serve? E come funziona? Oggi siamo qui per togliermi tutti i dubbi a riguardo.

Cos’è il ravvedimento operoso 2021

Uno strumento grazie al quale il cittadino ha la possibilità di risolvere in autonomia delle irregolarità, è questo il ravvedimento operoso. Attraverso questo strumento Il cittadino ha la possibilità di mettersi in pari con il fisco pagando delle minime sanzioni legali.

Come funziona il ravvedimento oneroso

Nel momento in cui viene commessa un’infrazione, il cittadino per mettersi nuovamente in regola con il fisco può presentare il ravvedimento oneroso. Ma con quali tempistiche? È necessario precisare che esistono quattro diverse tipologie di ravvedimento operoso, ognuna delle quali ha una tempistica differente.:

  • Il ravvedimento oneroso Sprint va presentato entro il quattordicesimo giorno dalla data di scadenza;
  • Il ravvedimento oneroso breve deve essere stato tra il quindicesimo e il trentesimo giorno dalla scadenza;
  • Il ravvedimento oneroso medio va presentato tra il trentesimo giorno e il novantesimo giorno dalla scadenza;
  • Infine il ravvedimento operoso lungo va presentato oltre il trentesimo giorno dalla scadenza.
Leggi anche:  Stop al pagamento del mutuo sulla prima casa

Se il pagamento avviene oltre alla data del ravvedimento oneroso si rischia di ricevere delle sanzioni.

Calcolo del ravvedimento oneroso

Ovviamente il ravvedimento operoso va presentato all’Agenzia delle Entrate. Ma questo come viene calcolato? Per procedere con il calcolo vengono presi in considerazione diversi fattori, ovvero gli interessi legali, le sanzioni da applicare e l’importo dell’imposta ormai scaduta. Solitamente capita di ricorrere al ravvedimento oneroso nel momento in cui si evita di pagare la tassa dell’imu.
Insomma è sempre meglio avere tutto sotto controllo, ed essere certi di aver controllato la scadenza di ogni tipologia di pagamento, e di ogni imposta di registro, in modo da evitare tutte le sanzioni e la presentazione di determinate domande.

Ecco tutto quello che c’è da sapere sul ravvedimento oneroso.