Quanto guadagna un professore universitario? Stipendio netto e mesi lavorativi

0
27

Per diventare un professore universitario è necessario seguire un lunghissimo percorso di studi. Una volta terminato il percorso accademico, finalmente sarà possibile iniziare ad esercitare la propria professione. Ma a quanto ammonta lo stipendio del professore universitario? Cosa fa? Quanti giorni lavora? Quanti mesi ha di vacanza? Cerchiamo di capire qualcosa in più in merito

Quanto guadagna un professore universitario

Non si diventa professori ordinari all’Università per magia, ma bisogna seguire un percorso molto lungo. Prima di diventare professori universitari ordinari è necessario seguire diversi step, i quali una volta superati ti porteranno a raggiungere il tuo obiettivo. In primis è necessario sostenere e superare il concorso indetto dall’Università per diventare ricercatore universitario, poi superare un primo concorso pubblico per diventare professore associato e svolgere almeno 350 ore di lezione, e quindi sostenere e superare un secondo concorso pubblico per diventare professore ordinario.

Per quanto riguarda i compensi, in Italia un professore universitario ordinario è in grado di guadagnare uno stipendio lordo che va dai 27 mila euro ai 80 mila euro all’anno. Quindi lo stipendio netto equivale a circa 2.600 euro all’anno. Lo stipendio non varia soltanto a seconda del tipo di università in cui si insegna, oppure dalla materia. Esso cambia anche a seconda degli anni di esperienza che un professore Universitario ordinario ha maturato.

Leggi anche:  Malore dopo la palestra, muore a 26 anni la figlia del sindaco e vice presidente della Provincia di Mantova

Inoltre il professore universitario ordinario si occupa di due mansioni, oltre all’insegnamento si dedica anche alla ricerca. Per quanto riguarda le ore di lavoro e di conseguenza i giorni, a questi dipendono dall’impiego specifico del professore. Le ore lavorative e di conseguenza anche i mesi di vacanze vengono stabiliti nel momento in cui al professore viene stipulato un contratto. Insomma non esiste una regola generale ma si sa la retribuzione che i giorni di vacanza variano a seconda di diversi fattori.