Diversificare gli investimenti: ecco come proteggere il capitale

0
58

Se si vogliono massimizzare i profitti e minimizzare i rischi diviene fondamentale diversificare gli investimenti per proteggere il capitale . Ma cosa vuol dire? Perché è opportuno diversificare gli investimenti? Come si possono diversificare i risparmi? Sono tante le domande poste, cerchiamo di dare una risposta in modo da togliere ogni dubbio al riguardo.

Come diversificare gli investimenti

Diversificare gli investimenti è un’attività che, se compiuta aiuta a proteggere il capitale investito, tenendo a sicuro il portafoglio. Ma cosa significa? La diversificazione degli investimenti implica la tutela del capitale investito utilizzando diverse tipologie di strumenti finanziari a cui verrà destinato il denaro in oggetto.

Basta pensare che, nel momento in cui si decide di investire in un unica azienda, il destino dell’investimento è concentrato unicamente nell’andamento di quella specifica azienda. Insomma si potrà perdere anche tutto il capitale investito senza alcuna possibilità di recupero.

Generalmente per diversificare un investimento si investe il capitale in due mercati finanziari differenti, ovvero il mercato azionario e il mercato obbligazionario. Tuttavia oggi con l’avvento del trading sicuro on-line, è possibile anche tenere al sicuro il proprio capitale investendo in Bitcoin, e generando un’ingente e profitto.

Leggi anche:  Quanto risparmiare al mese? Ecco la guida per vivere di rendita

Ma quale obiettivo oggi si pone la diversificazione? Questa attività ha duplici obiettivi. In primo luogo si tende a diversificare gli investimenti per poter minimizzare il rischio di perdita del capitale stesso. In secondo luogo, viene fatto per poterne massimizzare i profitti. Non ci sono regole generali da applicare, bensì bisogna tenere in considerazione una serie di variabili, ovvero:

  •  Il capitale che si ha intenzione di investire;
  •  La propensione al rischio di ogni investitore, che ovviamente può variare a seconda del corso della vita del singolo investitore;
  •  L’orizzonte temporale, ovvero il tempo in possesso dell’investitore da dedicare al proprio portafoglio.