Dichiarazione dei redditi 2022: entro quando si fa

0
65

La stagione della dichiarazione dei redditi e ormai cominciata. Sono tante le persone che non sanno come funziona, oppure come far la data l’introduzione del modello precompilato. Come ogni anno sono tante le persone assalite dai dubbi le quali non sanno nemmeno entro quando fare il modello 730.

Per questo motivo bisogna rivolgersi a dei professionisti, come un commercialista on-line per poter avere più chiaro il quadro della situazione. Noi però abbiamo pensato di scrivere questo articolo per rendervi la vita più facile e spiegarvi tutto ciò che c’è da sapere sulla dichiarazione dei redditi 2022.

Entro quando fare la dichiarazione dei redditi 2022

La dichiarazione dei redditi, nota anche come modello 730, è un modello dedicato ai lavoratori e ai pensionati. Questa dichiarazione può essere presentata all’Agenzia delle Entrate mediante il modello ordinario, riferendosi a CAF o ad un commercialista, oppure è possibile utilizzare il modello precompilato il quale è reperibile sul sito INPS da inviare direttamente in autonomia. Sono diverse le scadenze inerenti alla dichiarazione dei redditi. Vediamo insieme quali sono

Quando si fa la dichiarazione dei redditi 2022

Dal mese di maggio 2022 è possibile presentare la dichiarazione dei redditi. Come abbiamo già detto in precedenza, esistono diverse tipologie attraverso cui è possibile presentare questa domanda, ma esistono anche diverse date di scadenza.

Leggi anche:  Il condominio può obbligarci a togliere le tende da sole dal nostro balcone?

Coloro i quali decidono di presentare il 730 in modalità cartacea tramite le poste hanno la possibilità di farlo dal 2 maggio al 30 giugno. Nel momento in cui la dichiarazione dei redditi viene presentata in modalità telematica, la scadenza è prorogata fino al 30 novembre.

In quale caso bisogna presentare il 730?

Sono diversi i casi in cui è necessario presentare la dichiarazione dei redditi. Ad esempio, bisogna presentarla nel caso in cui le imposte comunali e regionali non sono state trattenute o trattenute in misura inferiore al dovuto.

Ma anche quando hai percepito redditi di locazione di fabbricati e stai pagando con cedolare secca o possiedi più certificazioni uniche. Sono diverse le spese detraibili effettuando la dichiarazione dei redditi. Alcune di queste sono:

  • Contributi versati a forme pensionistiche complementari.
  • Spese per interventi per il recupero del patrimonio abitativo e per misure antisismiche.
  • Spese per interventi “green fix”, quota deducibile dal “Bonus Vacanza”.
  • Spese per interventi “green fix”, quota deducibile dal “Bonus Vacanza”.
  • Contributi pagati per i lavoratori domestici.
  • Spese universitarie e relativi rimborsi.
  • Spese funerarie, donazioni a scuole, donazioni a ONG, associazioni di promozione sociale e alcune fondazioni e associazioni riconosciute.