Anticipo TFR: ecco come richiederlo e quanto tempo ci vuole

0
34

Il lavoratore dipendente, dopo aver terminato il proprio contratto di lavoro, può ottenere immediatamente una parte della liquidazione. Ma quando si può richiedere un anticipo TFR? Quanto tempo ci vuole? Quanto è tassato? Come richiedere senza motivazione? Con questo articolo cercheremo di capire tutto ciò che c’è da sapere sul TFR, in particolar modo come richiederlo. Ecco qualche dettaglio in più

Anticipo TFR: come richiederlo

Per poter accedere alla domanda dell’anticipo del TFR, è necessario rispettare determinati requisiti. Questa richiesta può essere presentata da tutti i lavoratori del settore privato che sono stati assunti da una determinata azienda per almeno otto anni. Da questo si può capire che non è assolutamente possibile richiedere l’anticipo del TFR prima che siano trascorsi 8 anni dal giorno in cui si è stati assunti. Il discorso cambia per i dipendenti del settore pubblico che non hanno la possibilità di richiedere l’anticipo della liquidazione nel momento in cui si ritrovano ancora in tempi di assunzione.
Per quanto riguarda la richiesta, il lavoratore che vuole usufruire dell’anticipo del TFR deve rispettare determinati requisiti, ovvero:

  • Maturazione di 8 anni di servizio presso la stessa azienda;
  • Ottenimento di una sola volta nel corso del contratto di lavoro dell’anticipo del TFR;
  • Limite del 10% degli aventi titolo all’interno della stessa azienda.
Leggi anche:  Quotazione argento 2022: conviene vendere argento usato oggi

Quindi il dipendente ha il diritto di ottenere l’anticipo del TFR una sola volta e questo deve avere il limite massimo del 70% dell’importo fino ad allora maturato. Questa richiesta si può presentare soltanto nel momento in cui ci sono delle specifiche motivazioni. Insomma il lavoratore che presenta la domanda di anticipo tfr deve presentare anche delle giustifiche, come ad esempio delle spese sanitarie improvvise o delle spese per ristrutturazione. La richiesta per la liquidazione anticipata va presentata direttamente al datore di lavoro attraverso un modello specifico a cui andranno allegati i documenti richiesti.