Cessione del Quinto BNL: come funziona, tempi, simulazione e vantaggi

0
139

Tante persone che sono alla ricerca di liquidità, talvolta preferiscono utilizzare la cessione del quinto dello stipendio piuttosto che mi richiede un prestito. Ma come funziona? Quali sono i tempi di erogazione? In base alle opinioni delle persone che hanno deciso di fare riferimento alla cessione del quinto BNL, cercheremo di capire nel dettaglio di cosa si tratta e quali sono i vantaggi di questo strumento finanziario.

Cessione del quinto BNL come funziona

La cessione del quinto BNL erogata proprio dalla BNL finance, ovvero la società che è proprio specializzata nella concessione di credito ai privati. In particolar modo, nel corso di 10 anni, questa società si è specializzata proprio nell’ambito della cessione del quinto, sia per i dipendenti privati sia per i dipendenti pubblici, ma anche per i pensionati. In base alla categoria di appartenenza del richiedente, sono stabiliti i tassi e le modalità di erogazione di questa forma di prestito non personale.
La rata della cessione del quinto viene presa direttamente dallo stipendio e non deve mai superare un quinto della somma percepita mensilmente. Per fare una simulazione, un esempio pratico, se l’importo netto della busta paga è pari a €1600 mensili, la rata da pagare sarà di €320.

Leggi anche:  Maggior Tutela o Mercato Libero: quale conviene di più nel 2022

Con la cessione del quinto di BNL è possibile richiedere un importo minimo di €1200 fino ad un importo massimo di €75000. Tale prestito può essere restituito dai 24 mesi fino ai 120 mesi. Ovviamente, nel momento in cui si effettua tale richiesta, vengono presi in considerazione diversi fattori. Non solo il tipo di categoria di propria appartenenza, quindi se si ha un dipendente pubblico, un dipendente privato oppure un pensionato, ma si prende in considerazione anche l’età del richiedente e il TFR maturato nel corso degli anni.
Oltretutto è possibile effettuare un estinzione anticipata con la cessione del quinto, ma anche una rinegoziazione, in modo da estinguere parte di ciò che si è già percepito e ricevere ulteriore liquidità.